domenica 16 ottobre 2011

La quiete dopo la Tempesta‎


Tempeste, un qualcosa che possiamo far riferimento a molte cose accadute, dall'instabilità del meteo di questi giorni, alla tempesta che ha colpito Roma, una tempesta carica di teppisti che hanno fatto irruzione nel corteo dei manifestanti pacifisti.

Quale foto migliore, se non quella dove è rappresentato Nettuno, il dio delle acque correnti e in seguito divenne, dopo il 399 a.C., il dio del mare trasformandosi nell'equivalente del dio greco Poseidone.

Nettuno, quì è sulla sommità di una fontana monumentale a Messina. Il dio Nettuno, quì è rappresentato come appena sorto dalle acque, calmo e invincibile, brandisce il suo temibile tridente e tiene incatenate ai suoi piedi le mostruose Scilla e Cariddi; è un'allegoria della forza fisica e morale della Città che doma le avversità. Le statue originali di Nettuno e di Scilla sono custodite nel Museo Regionale.

Tale grandiosa opera è stata realizzata in città (nel 1557) da Giovanni Angelo Montorsoli, in cui l'autore esprime con genialità creativa il potente stile michelangiolesco.

5 commenti:

  1. mi piace molto il contrasto tra le nuvole grigie e quelle più chiare...una bella simbologia

    RispondiElimina
  2. Una foto molto bella, accompagnata da un commento introduttivo interessante!Ciao Carlo
    Ermanno
    ps: ho visto ed ammirato la foto del Vesuvio con la nuvola al posto ed al momento giusto...

    RispondiElimina
  3. bella foto!

    Elle
    http://redischic.blogspot.com/

    RispondiElimina
  4. Mi piace la foto e come hai trattato l'argomento.

    RispondiElimina